Pubblicato in News

Il fatidico giorno è arrivato, centinaia e centinaia di colleghi DOMANI 6 luglio saranno valutati se idonei ad espletare la professione infermieristica.

La speranza è che tutti i candidati superino le prove e che la Puglia abbia finalmente una graduatoria formata da nuove leve che con il loro giovane entusiasmo possano apportare qualità ed efficienza al nostro Sistema Sanitario Regionale.

Ci preme evidenziare che molti di questi colleghi, ormai da oltre un decennio, prestano il proprio servizio nel S.S.N., facendo da tappabuchi alle malefatte di una classe politica che, in nome di un risparmio di spesa fatto solo ed esclusivamente sulle spalle dei lavoratori, ha creato una nuova classe sociale denominata  “precariato storico “, a cui ha tolto le basi per una vita stabile.

Bene, dopo tanto peregrinare nelle varie strutture sanitarie pugliesi, con diritti calpestati e stipendi miseri , finalmente il sospirato concorso è arrivato, ma ancora una volta ci si accanisce contro gli stessi, i quali hanno abbandonato gli studi molti anni orsono ed oggi si ritrovano ad essere valutati al pari di chi si è appena laureato, non tenendo conto di tutta l’esperienza maturata e ponendo sullo stesso piano professionalità ed esperienze diverse.

Carissimi colleghi da parte nostra tutta la solidarietà e un in bocca al lupo a tutti, precari e non, con un impegno che comunque vada non sarete soli ad affrontare le battaglie.
Noi del coordinamento infermieri ci batteremo in tutte le sedi al fine di poter dare la meritata serenità e considerazione agli infermieri come ai cittadini, al fine che nel prossimo futuro non si creano nuove falde, vittime di un sistema logoro che crea lotte intestine all’interno della classe infermieristica.

GLI INFERMIERI CHIEDONO RISPETTO PER SE STESSI E I CITTADINI CHE ASSISTIAMO

UFFICIO STAMPA CNI